Corsetto Sforzesco

SPoRT (acronimo inglese di simmetrico, tollerabile, rigido, tridimensionale, attivo) il Corsetto Sforzesco è stato ideato per evitare di ricorrere all’uso del gesso per i nostri pazienti.

Corsetto Sforzesco

Il corsetto sforzesco è stato ideato, studiato e realizzato per contrastare e controllare le scoliosi dorsali e lombari con un altissimo grado di curvatura.

Questo corsetto, non vuole sostituire il corsetto gessato di Risser, ma vuole funzionare come se lo fosse, con la differenza che essendo movibile, il paziente ha la possibilità di poterlo togliere per qualche minuto (anche solo per una semplice doccia). Dagli studi fatti, si sono riscontrati ottimi risultati sia a livello radiografico che psicologico, aspetto che non bisogna mai sottovalutare.

E’ importantissimo che il paziente segua scrupolosamente quello che gli viene detto dal medico specialista sia in termini di indossamento del corsetto (ore giornaliere) sia in termini di fisioterapia, aspetto non meno importante per mantenere e rafforzare la muscolatura.

Il corsetto sforzesco è costutito da due valve in materiale plastico termoformabile ad alta resistenza, una destra e una sinistra, le quali vengono ancorate per mezzo di cerniere in acciao inox ad un’asta centrale posteriore in duralluminio. La chiusura è anteriore e viene effettuata con cinturini e fibbie in nylon.

La struttura è radiotrasparente perciò si possono eventualmente eseguire indagini radiografiche in corsetto.

Inoltre, il corsetto viene costruito su impronta rilevata direttamente sul paziente con bende gessate o con scansione laser.