Il piede diabetico è nella maggior parte dei casi la punta di un iceberg, al di sotto della quale coesistono un insieme di altre patologie, legate direttamente o meno al diabete, che a loro volta vanno curate contemporaneamente al piede. Tutto questo rende il diabetico con ulcera del piede un paziente particolarmente complesso e fragile. In generale si può affermare che la miglior difesa nei confronti di una malattia è la conoscenza delle cause che possono determinarla. Una volta individuate, è possibile scegliere le terapie più idonee a prevenirla.

Nella tecnica ortopedica, un ruolo fondamentale è affidato alla ricerca sul campo e in particolare alla tecnologia per quanto riguarda la prevenzione. L’uso di pedane baropodometriche ci permettono di rilevare la morfologia e la distribuzione del carico sia in appoggio statico che dinamico dei piedi. La presenza di iperpressione plantare prevede l’uso di plantari che permettono un riequilibrio dei picchi pressori e di scarpe predisposte per difenderlo da frizioni e pressioni. Il plantare deve essere realizzato tramite un sistema informatico digitalizzato (CAD-CAM) e nei casi di amputazione tramite calco gessato.

Tali scarpe devono essere fisioanatomiche (adeguate alle misure del piede) con tomaia e fodera morbida, così da poter alloggiare eventuali deformità che, in una scarpa normale, potrebbero determinare la formazione di ulcere; la suola deve essere rigida o semirigida (dipende dalla gravità del caso) di struttura a dondolo. In sintesi, si tratta di una struttura realizzata appositamente per favorire un’economia articolare soprattutto nella flessione metatarso-falangea. È questo naturalmente un aspetto importante perché prevenire il piede diabetico con l’uso di plantari su misura e calzature appropriate comporta anche una notevole riduzione della spesa per il Servizio sanitario regionale per un numero minore di ricoveri ospedalieri e interventi chirurgici, oltre a una migliore qualità di vita dell’assistito con spesa a carico del Ssn.

 

 

Dott. Ennio Vergati

Direttore tecnico delle

officine ortopediche Orthogea group

21Lug 2014

L’attività sportiva è associata ad un uso ripetitivo di strutture biomeccaniche. Il piede in particolare è sottoposto a sollecitazioni molto intense in quanto sorregge il peso del corpo. La comparsa di sintomatologie dolorose a carico del piede e secondariamente a carico di altre strutture, ginocchio in particolare, si verifica sia come conseguenza di problematiche intrinseche […]

21Lug 2014

  Il piede diabetico è nella maggior parte dei casi la punta di un iceberg, al di sotto della quale coesistono un insieme di altre patologie, legate direttamente o meno al diabete, che a loro volta vanno curate contemporaneamente al piede. Tutto questo rende il diabetico con ulcera del piede un paziente particolarmente complesso e […]

21Lug 2014

I piedi sono da considerare veri e propri recettori che raccolgono fondamentali informazioni dal suolo che integrate con altre informazioni provenienti da recettori muscolari ed articolari, vengono poi elaborate dal Sistema Nervoso Centrale, per poi essere trasformate in informazioni usate nella scelta delle strategie posturali Pertanto il ruolo svolto dai piedi va ben oltre lo […]

21Lug 2014

(Tecnologia al servizio dei clienti : esperienza decennale con AMFIT)   Quel raffinato capolavoro di ingegneria che è il piede, oltre che da ben 26 ossa e da tante piccole articolazioni forti e complesse, è formato anche da vasi venosi, arteriosi, nervi, tendini e legamenti. L’impiego del sistema AMFIT per la produzione computerizzata CAD-CAM dei […]

22Lug 2014

L’impiego del sistema AMFIT per la produzione computerizzata CAD-CAM dei plantari su misura, ha uno scopo sia curativo che preventivo ed intende svolgere una funzione educativa nei confronti del pubblico, non solo per svariate patologie che il piede può incontrare, ma soprattutto per gli aspetti preventivi. E’ ormai risaputo che la cura del piede non […]

22Lug 2014

Il Decreto Legge del 1999 è ancora attuale. Vale la pena uno sguardo.   DECRETO 27 Agosto 1999, n° 332 Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale: modalità di erogazione e tariffe.                      IL MINISTRO DELLA SANITA’   […]