R.G.O. “Raciprocating Gait Orthosis”

Indicazioni

Mielomeningocele e lesioni midollari superiori al livello L3, spina bifida,

poliomielite – atrofia muscolare spinale – distrofia muscolare – disturbo motorio centrale.

Caratteristiche Tecniche

R.G.O. Questa soluzione viene realizzata attraverso la rilevazione delle misure metriche e l’esecuzione del calco in gesso negativo-positivo. Il posizionamento delle articolazioni d’anca è fondamentale ed è importante segnare il centro del bilanciere. Successivamente alla stilizzazione del gesso, si procede alla costruzione dell’ortesi termoformando sul modello positivo la plastica dello spessore di 4 o 5 mm, oltre ad un rivestimento interno di plastazote. Segue il montaggio del bilanciere sagomato e delle articolazioni d’anca e infine l’allineamento delle articolazioni al ginocchio.

La struttura comprende 3 valve: la valva spinale, le valve su coscia (per pazienti affetti da contrazioni o da flessioni del ginocchio) e la valva gamba-piede. Sulla valva spinale (deputata al sostegno del tronco) è applicato all’altezza ischio-sacrale il sistema a bilanciere che consente la deambulazione in 4 tempi, con un notevole risparmio energetico. L’articolazione dell’anca è tale da mantenere il paziente in fase statica durante la fase di bloccaggio assicurata da un anello a caduta. Essa consente inoltre la fase di seduta tramite lo sbloccaggio del pulsante e un movimento del bacino.
Le articolazioni fungono da supporto alle valve di contenimento della coscia e di collegamento con le valve gamba-piede. La valva gamba-piede è a tutti gli effetti una ortesi AFO a valva. La leggerezza dell’ortesi permette una posizione statica e un’ottima deambulazione da parte del paziente. Allacciature in velcro e pelotte imbottite con spinta sottorotulea per contenere la flessione dell’articolazione del ginocchio nei casi che la richiedono. Le scarpe costituiscono parte integrante del progetto in quanto bilanciandole con speronature, rialzi e piani inclinati, contribuiscono ad allineare il bacino riducendo l’instabilità.